Salerno, bagnino vieta un bacio gay:«Non sono omofobo, altrimenti non li avrei manco fatti entrare»



Come spesso accade fra tante coppie, anche due ragazzi gay si erano scambiati alcuni baci sotto l'ombrellone. Siamo in una spiaggia di Erchie, frazione di Maiori, nel salernitano.
Dinnanzi a quel semplice gesto, alcuni bagnanti avrebbero chiamato il bagnino e questo sarebbe intervento prontamente per intimargli: «Non baciatevi in pubblico». Davanti a quella richiesta, i due bagnanti hanno abbandonato la spiaggia indignati.
Ancora una volta la cronaca ci ripropone una situazione di ordinaria omofobia, dove persino i gesti più semplici e naturali vengono osteggiati da un qualche bigotto che si crede convinto che le'eterosessualità sia un motivo per vantare dei privilegi. A far riflettere sono anche le scuse con cui i due fratelli proprietari dello stabilimento si sono giustificati: dicono di non essere omofobi perché «il nostro stabilimento balneare è aperto a tutti. Se avessimo avuto qualche pregiudizio non avremmo nemmeno fatto accedere in spiaggia la coppia omosessuale».
Insomma, secondo loro i gay dovrebbero accontentarsi di non trovare cartelli che impediscano l'accesso alle spiagge a cani e gay. Andiamo bene.
7 commenti