I ragazzi di Bridgend tornano a spogliarsi, questa volta contro l'omofobia



Anche quest'anno i ragazzi di Bridgend sono tornati a spogliarsi per dar vita al loro calendario 2016. Tutte le immagini che comporranno l'opera saranno mantenute segrete sino all'uscita del calendario (prevista per il 1° settembre) anche se sono già stati diffusi alcuni scatti dei ragazzi che vi hanno partecipato. Non si tratta di modelli ma di gente comune: c'è chi fa il parrucchiere e chi l'agente di custodia, lo speaker radiofonico e il dentista. Tutte persone della porta accanto che si sono messe in gioco per raccogliere fondi contro l'omofobia e contro il bullismo omofobico.
«La risposta che abbiamo avuto lo scorso anno è stata incredibile», ha dichiarato Russ Hughes, fotografo e ideatore dei Boys of Bridgend. «Volevamo fare qualcosa di buono e raccogliere un po' di soldi per una buona causa, ma siamo finiti con il vendere il nostro calendario in 38 paesi. Non avremmo mai pensato ad un successo tale, ma la domanda era enorme e la gente si è detta entusiasta. Per questo ci siamo rimboccati le maniche per vedere se potevamo ripetere l'esperienza e raccogliere altri fondi per un'altra buona causa».
Per maggiori informazioni è possibile consultare la pagina Facebook dedicata al calendario o lo store.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12] [13]
3 commenti