"Te o ordino!" di Francesco Sansone



Come può un anno influire su un’intera vita? È quello che capiranno Diego e Alessandro, due fratellastri costretti a convivere nella nuova casa dei genitori, quando questi partiranno per la luna di miele. I due si conoscono sin dall’adolescenza, ma non si sono mai piaciuti. Diego è spontaneo, esprime i suoi sentimenti, a breve inizierà a frequentare l’Accademia delle Belle Arti di Napoli e non ha mai nascosto la sua omosessualità. Alessandro, invece, è l’opposto; è chiuso in se stesso, ha lasciato gli studi, lavora come macellaio in un supermercato e da sempre prende in giro il fratellastro per il suo essere gay. Dopo l’ennesima derisione Diego decide di prendersi una rivincita, quando per puro caso scopre qualcosa su Alessandro. Diego inizia a ricattarlo ma la situazione gli sfugge di mano e il fratellastro arriva a fare qualcosa di inaspettato, di cui si pentirà subito. Per farsi perdonare Alessandro cede alla minaccia di Diego, dando vita a un rapporto perverso che li porterà a conoscersi realmente.
Di questo si occupa "Te o ordino!", il nuovo romanzo di Francesco Sansone già disponibile su Amazon e su Kobo.

Francesco Sansone è un blogger e scrittore nato a Palermo il 18 giugno 1983. Cura i blog Il mio mondo espanso, Il mondo espanso dei romanzi gay, Il mondo espanso del cinema gay. Dal 2012 al 2013 ha curato una rubrica radiofonica all’interno del programma Shortbus – Gli altri
incontri radiofonici di Radio Onda d’urto.
Ha pubblicato in maniera indipendente "Io: Nella gioia e nel dolore - Diario di un ragazzo in
crescita" e “Summer Beach”, mentre è con Tempesta editore che ha pubblicato "Oltre
l’evidenza – Racconti di vita… gay". Ha inoltre partecipato alle prime due edizioni dell'antologia
"Racconti sotto l'albero" della Triskell Edizioni con i racconti "Natale in famiglia" e " Uno scherzo
di Natale", e alla prima edizione dell’antologia “Oltre l’arcobaleno” di Amarganta Edizioni con il
racconto “L’appuntamento”.
“Te lo ordino!” è il suo nuovo romanzo ed è il primo della serie ‘Amori verso Sud’
Commenti