Arcigay: «La Corte ci indica la meta: matrimonio egualitario per tutte e tutti»



«La sentenza della Corte di Cassazione che ha determinato la trascrizione in Italia del primo matrimonio samesex è un fatto importantissimo». È quanto dichiara Gabriele Piazzoni, segretario nazionale di Arcigay. «L'Alta Corte ci sottolinea in maniera chiara e inequivocabile la distinzione tra matrimonio e unione civile, un punto che troppo spesso, anche a causa dei giusti festeggiamenti per l'approvazione della legge Cirinnà, sembra passare in secondo piano. Questa sentenza invece riporta questa differenza sotto i riflettori, indicandoci una meta e definendo quella meta possibile anche in Italia. L'uguaglianza formale e sostanziale fra tutti i cittadini e le cittadine deve rimanere il traguardo e la corsa non deve subire rallentamenti. Ora che la Giustizia ha riconosciuto il diritto di una coppia samesex con cittadinanza straniera unita in matrimonio all'estero a mantenere quello status anche in Italia, alla politica il compito di aprire questa possibilità anche alle coppie samesex italiane: su questo punto noi non molliamo». «Voglio cogliere l'occasione -conclude Piazzoni- per ringraziare le spose e i loro legali che hanno attraversato questa battaglia, che porta beneficio a tutte e tutti e che sollecita il nostro Paese a proseguire spedito nel percorso verso la piena uguaglianza».
Commenti