Il presidente di Starbucks: «Non vogliamo i soldi degli omofobi»



Howard Schultz, presidente di Starbucks, ha dichiarato: «Noi appoggiamo le diversità di ogni tipo. Se siete contro i matrimoni gay, non vogliamo i vostri soldi». Lo riporta il Washington Press.
La catena di caffetterue, che presto dovrebbe arrivare anche in Italia, è da tempo impegnata nel contrasto alle discriminazioni. Ad esempio ha partecipato al Gay Pride di Londra e ha introdotto regolamenti interni a tutela dei suoi dipendenti lgbt.
Commenti