Umbria. Domani in aula il voto sulla legge regionale contro l'omofobia



«Dopo quasi 10 anni dalla sua prima presentazione e 3 diverse consiliature, la legge regionale contro l’omofobia e la transfobia approda in aula all’Assemblea Regionale dell’Umbria per il voto finale. Dopo la conclusione dei lavori in III Commissione e mesi di rinvii e temporeggiamenti, il testo è stato finalmente iscritto al primo punto dell’ordine del giorno della seduta di martedì 14 marzo». Lo ricorda Omphalos, l'associazione lgbt perugina che ha contribuito alla stesura del testo sin dalla sua prima presentazione nel 2007 e che non ha mai smesso di chiederne la discussione in aula,.
«È giunto il momento per i consiglieri e le consigliere dell’assemblea legislativa umbra di assumersi la piena responsabilità del voto –dichiara Stefano Bucaioni, presidente di Omphalos– per troppo tempo questa importantissima legge è stata tenuta chiusa in un cassetto per permettere alla politica regionale di non prendere una posizione chiara a riguardo. Il tempo dell’ambiguità è finito, da martedì sapremo chi crede che la violenza contro le persone omosessuali e transessuali sia un’ingiustizia che non deve più essere tollerata e chi invece, in nome di un modello unico da imporre, vuole continuare a supportare e incitare discriminazioni e violenze».
«Martedì saremo in Consiglio Regionale per assistere alla discussione e al voto finale del testo –continua Bucaioni– saremo nelle tribune perché vogliamo che nei loro interventi i consiglieri e le consigliere si ricordino che stanno discutendo e votando una legge che riguarda la vita di ognuno e ognuna di noi. E attraverso la nostra presenza ci sarà quella delle vittime della violenza e dell’omofobia, di chi ha subito e continua a subire discriminazioni in famiglia, a scuola, nel mondo del lavoro e anche di chi purtroppo non ce l’ha fatta a sopportare quel peso».

Omphalos vuole inoltre rivolgere un appello particolare ai consiglieri e alle consigliere di minoranza. Al Movimento 5 Stelle, perché nell’esaminare e votare questa legge non si lasci ingabbiare da meccanismi di sterile contrapposizione politica, tipici della stessa cultura partitica che combatte, ma entri nel merito dell’argomento dimostrando che le fondamenta del movimento sono ancorate ad una cultura di diritti, uguaglianza e contrasto alle discriminazioni. Infine ai consiglieri di centro-destra, perché alzino lo sguardo all’Europa e traggano ispirazione dalle destre liberali europee, che in tante occasioni hanno sostenuto e continuano a sostenere la battaglia contro la violenza e l’oppressione delle minoranze lgbti. La lotta all’omofobia non è un tema di una parte politica, ma di tutte e tutti coloro che hanno a cuore l’evoluzione civile di questa società.
«Con gli occhi puntanti sui lavori dell’assemblea regionale non ci saranno solo le persone omosessuali e transessuali ma l’intera comunità regionale –conclude Lorenzo Ermenegildi, segretario di Omphalos– Perché questa legge ha la potenzialità di rendere la nostra regione un posto più accogliente e di riaffermare la cultura dei diritti umani e civili come premessa indispensabile per un paese che vuole tornare a crescere. Nel testo si parla infatti di prevenzione, di uguaglianza e di rispetto, valori che devono essere alla base della nostra società, e che quando c’è una minoranza che subisce violenze e discriminazioni vanno riaffermati con forza, per il bene dell’intera comunità».
Commenti