Arrestata la suora argentina che selezionava i bambini da consegnare a preti pedofili



Suor Kosaka Kumiko è stata arrestata dalle autorità argentine. Trasferitasi a Mendoza dal Giappone nel 2007, per sei anni ha lavorato presso l'Istituto Provolo che finì al centro di uno scandalo pedofilia. Le vittime, ora adolescenti, accusano la suora di aver svolto un ruolo centrale nella vicenda attraverso il suo selezionare i bambini più "sottomessi" e più vulnerabili allo scopo di consegnarli come prede sessuali ai preti. La suora, ai tempi responsabile di 43 bambini, avrebbe anche partecipato «alle pratiche con carezze e guardato pornografia con i sacerdoti e i ragazzi».
Una ragazza ha dichiarato che all'età di cinque anni è stata obbligata dalla religiosa ad indossare un pannolino che nascondesse l'emorragia provocata dai sistematici stupri a cui diversi sacerdoti l'avevano sottoposta.
La suora è fuggita a Buenos Aires non appena emerse le prove della sua presunta colpevolezza. Lei si dichiara innocente e dice di non aver mai saputo nulla degli abusi subiti dai minori.

L'Istituto Provolo è lo stesso istituto in cui lo scorso anno vennero arrestati i sacerdoti Nicola Corradi, 82 anni, e Horacio Corbacho, 52. Entrambi vennero accusati di «abuso sessuale aggravato» a danno di almeno venti bambini non udenti, in età compresa tra i 10 e i 12 anni. Corradi era stato trasferito nell'istituto argentino dopo essere stato al centro di uno scandalo per abusi sui minori nell'istituto Provolo di Verona.
2 commenti