Contro l'omofobia nel calcio, la nazionale danese ci mette la faccia



Nel mondo del calcio l'omosessualità è ancora un tabù. È questo il motivo per cui la la nazionale danese ha deciso di metterci la faccia in una campagna di sensibilizzazione che ruota attorno all'hashtag #FodboldForAlle (ovvero, il calcio è di tutti).
L'iniziativa vanta anche la collaborazione della federazione danese di calcio (DBU), dell'Associazione calciatori, della Città di Copenaghen e di Amnesty International.
Mathias Zanka Jørgense, calciatore della Nazionale danese e centrocampista dell'Huddersfield Town, sottolinea che «l'omofobia fa ancora parte del calcio danese. Insieme possiamo cambiare le cose: facciamo in modo che tutti si sentano benvenuti allo stadio, nei club e negli spogliatoi. Il calcio è il nostro sport, ci deve essere spazio per tutti». Ad unirsi a lui è Pernille Harder, attaccante del Wolfsburg e della Danimarca, che ribadisce: «Il calcio appartiene a tutti, indipendentemente da chi ami».

Immagini: [1] [2]
2 commenti