Marco Predolin se la prende con i gay anche se espulso per la sua bestemmia



Marco Predolin non demorde: dopo gli insulti omofobici, arrivono pure le offese a chi non si è lasciato insultare in silenzio. Ed è così che, nel corso di una diretta su Instagram, l’ex presentatore ha chiarito che «i gay intelligenti» sono solo quelli che si fanno etichettare con nomignoli volgari o che ridono mentre lui racconta che si divertirebbe a vedere un pestaggio di gruppo a danno di Malgioglio.
Ha affermato: «Per prima cosa voglio salutare i gay intelligenti, per quelli frustrati non posso farci niente. Da questa storia la mia famiglia ha ricevuto una bella batosta. Non faccio marcia indietro. Se posso aver offeso qualcuno chiedo scusa, non era mia intenzione».
Poi, ricorrendo scuse che sembrerebbero infantili già in prima elementare, ha aggiunto: «Voglio che anche voi non siate incazzati perché piano piano mi riprenderò tutto quello che mi è stato tolto dai coglioni e dai frustrati che si nascondono. Io ho rivisto quello che ho detto… Ho fatto un'allegoria di dove mi trovavo. Chi ha inteso questo nell'accezione di voler bruciare i gay è fuori luogo e con la presunta bestemmia intendevo la cantante. Non riuscirà a cantare più perché è vecchia. No, sto scherzando, non volevo offendere nessuno».
Peccato che si sia premurato di introdurre il discorso dicendo che chi osa dissentire dalla sua omofobia sia un idiota...
Commenti