Secondo Papa Francesco, l'accettazione delle persone trans renderebbe inertili gli eterosessuali



Non si contano più le offensive lanciate dal pontefice contro le persone transessuali. Questa volta, parlando presso la Pontificia Accademia per la Vita, Francesco ha affermato che i progressi tecnologici che permettono la transizione del sesso stiano rendendo infertili gli eterosessuali. Ha inoltre condannato qualunque concezione del sesso non binario, asserendo che accettare le differenze metterebbe in qualche modo il pericolo la creazione della vita.
La sua tesi è che «queste cose rischiano di smantellare la fonte di energia che alimenta l'alleanza tra uomini e donne e li rende fertili».
Lo scorso anno il Papa asserì che la maggiore visibilità delle persone trans fosse «terribile». E dinnanzi all'accresciuta accettazione delle tematiche trans, sostenne fosse dovuta alla «colonizzazione ideologica» da parte di libri di testo finanziati da ricchi popoli e istituzioni di «paesi molto influenti». Ad oggi il Vaticano risulta uno tra i principali promotori dell'odio e della discriminazione verso le persone lgbt.
3 commenti